La ditta Bertoglio

L'ultra-centenaria storia della ditta Bertoglio

L'avventura artigianale della ditta Bertoglio si apre con Eugenio, nato a Varallo Sesia nel 1872. Ad appena dodici anni di età, rimane orfano, così decide di partire da Varallo e raggiungere lo zio Isidoro a Gallarate, dove gestisce l'attività di bottaio in via Cadolini.

Nel 1887 Eugenio acquista l'attività dallo zio, continuando il lavoro nel laboratorio di via Cadolini. Attività che si espande, tanto che nel 1904 decide di acquistare un terreno in via del Popolo ove costruisce un nuovo laboratorio, con annessa abitazione.

Nel 1940 Eugenio lascia la propria attività ai due figli, Carlo, nato nel 1899 e Claudio, nato nel 1905. I nuovi titolari ampliano ulteriormente l'attività estendendo la produzione ai mastelli per le massaie, ai tini da destinare all'industria tessile ed infine alle mensole destinate ad ospitare i contatori dell'allora Industria Elettrica Vizzola Ticino, che poi confluirà nell’ENEL.


Gli anni di guerra segnano la famiglia: nel 1942 Carlo, tornato ammalato dal servizio in armi, muore. Il fratello continua l'attività riunendo le due famiglie in un solo gruppo. E' così che il figlio maggiore di Carlo, Angelo (Classe 1928) entra in società con lo zio, terminate le scuole di avviamento professionale.

La guerra finisce e il figlio di Claudio, Luigi (nato nel 1937) inizia a frequentare, a Cantù, la scuola serale professionale di disegno e progettazione di mobili, mentre nelle ore diurne lavora in prestigiose botteghe artigianali, acquisendo una buona manualità nella realizzazione dei mobili.

Nel 1963 Luigi subentra al padre, entrando in società con il cugino Angelo fino al 1984, quando quest'ultimo si ritira. Luigi prosegue allora con la collaborazione della moglie Marcella: lei gestisce il nuovo negozio situato in via Seprio, lui continua l'attività artigianale in via del Popolo. Nel 1992 si affianca il figlio Mauro (classe 1967), portando nuovo prestigio alla Ditta con arredamenti destinati ad una casa raffinata, caratterizzata dal buon gusto in mobili dal design contemporaneo che interpretino una nuova cultura dell'abitare. L'azienda ha fatto vetrina in numerosi saloni espositivi di Gallarate, Busto Arsizio e in altre manifestazioni di prestigio. In tempi recenti, nel 2003 viene aperto il nuovo negozio in via XX Settembre.

Dopo il Premio "Leon d'Oro" assegnato dai Mass-Media nel 1983 al "negozio" di via del Popolo, nel 2002 Luigi viene insignito dell'onorificenza di "Maestro del Commercio" per gli oltre 40 anni di attività svolta.

E la storia prosegue.